Diretto da Pierluigi Montalbano

Ogni giorno un nuovo articolo divulgativo, a fondo pagina i 10 più visitati e la liberatoria per testi e immagini.

Directed by Pierluigi Montalbano
Every day a new article at the bottom of the 10 most visited and disclaimer for text and graphics.
History Archaeology Art Literature Events

Storia Archeologia Arte Letteratura Eventi

Associazione Culturale Honebu

Translate - Traduzione - Select Language

giovedì 13 giugno 2013

Organizzazione e traffici al tempo dei metalli

Organizzazione e traffici al tempo dei metalli
di Pierluigi Montalbano


Miniere
La storia delle miniere coincide con quella delle civiltà umane, non solo nell’area dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma anche di quelli che con questi commerciavano, consentendone lo sviluppo economico, politico e culturale.
La disponibilità delle risorse minerarie è stata una delle prime motivazioni dei commerci e delle migrazioni dei popoli, in particolare da quando iniziò l’età dei metalli, la cui utilizzazione è stata il motore dell’incremento delle tecnologie e delle conoscenze sui materiali. Tuttavia, mineralizzazioni fonti di materie prime, anche geograficamente lontane tra di loro, possono presentarsi non solo di aspetto simile, ma esserlo anche dal punto di vista mineralogico. Inoltre, al fatto che alcune delle loro caratteristiche possono cambiare durante il processo di fabbricazione, cioè nel passaggio da materie prime a manufatti, si deve aggiungere la necessità che avevano molti popoli alla miscelazione di metalli non solo di diversa natura per la composizione delle leghe (come rame e stagno per produrre il bronzo), ma anche dello stesso tipo per riciclare ad altro uso degli oggetti non più utilizzabili.
Per quello che riguarda il rame, le maggiori concentrazioni economiche di rame nell’antichità erano presenti soprattutto nelle isole di Cipro e della Sardegna.
Un problema ancora oggi dibattuto è l’eventuale presenza nelle aree prospicienti il Mediterraneo di minerali di stagno, che rappresenta l’altra componente necessaria alla fabbricazione del bronzo. Fino al 1700 a.C. lo stagno utilizzato nelle civiltà del Vicino Oriente arrivava dall’Afghanistan, lo stesso paese da cui proveniva il lapislazzuli. A cavallo fra Bronzo e Ferro, e poi anche in età romana, lo stagno proveniva dalle regioni atlantiche: Cornovaglia, Bretagna e Galizia.
Il rame, invece, era diffuso e importanti giacimenti si trovavano in Irlanda, Inghilterra, nella penisola iberica, nella Slovacchia, in Transilvania e nei Balcani. Le fonti citano le miniere di calcopirite di Cabrières presso Montpellier e di Mount Gabriel in Irlanda. Importanti erano i giacimenti di rame dell’Erzgebirge in Sassonia, e quelli nelle Alpi Orientali. Lo studio dell’antica miniera del Mitterberg ha permesso di ricostruire le tecniche estrattive, i processi del trattamento del minerale per ridurre il rame e di eseguire stime sulla quantità prodotta in un anno (circa 20 tonnellate), il numero dei lavoratori impiegati (180) e le dimensioni del disboscamento operato per alimentare le fornaci (8 ettari all’anno). Nel giro di pochi secoli, la produzione del bronzo s’intensifica e si articola fino a integrarsi nella vita quotidiana e nell’economia, ampliando in modo considerevole la gamma dei manufatti.
Attività
Fenomeni di ordine tecnologico, economico e sociale, provocati dallo sviluppo della metallurgia, creano società complesse, nelle quali avvengono differenziazioni sociali stabili. Si sviluppano città indipendenti caratterizzate da società articolate in classi di cui abbiamo testimonianza attraverso i resti materiali rinvenuti negli abitati, nei sepolcreti, nei ripostigli e nelle deposizioni cultuali.
Gli oggetti fabbricati durante questo periodo erano in prevalenza beni di prestigio rivolti a nuovi ceti emergenti. La creazione di una lega resistente e di facile lavorazione (il bronzo) determinò la produzione su larga scala di oggetti che consentirono una serie di miglioramenti economico-sociali quali il potenziamento dell'agricoltura, l'incremento demografico e la creazione di riserve di ricchezza da distribuire attraverso il commercio. L'importanza delle élites guerriere durante questi secoli è testimoniata dallo sviluppo delle armi e delle tecnologie militari, e nella tendenza a costruire imponenti fortificazioni. Nel corso del XIII a.C. crollano le civiltà degli Ittiti in Asia Minore, quella dei Micenei in Grecia, Troia viene distrutta e il decadimento coinvolge anche l'impero egiziano. Si assiste all'inizio di una grave recessione economica e culturale, dovuta all’incapacità di gestione dei traffici a lungo raggio.
Nell’area costiera libanese, l’elemento che evidenzia la nuova situazione è dato dai lavori in metallo: giare piene di oggetti in bronzo fra cui un grande numero di bronzetti raffiguranti degli uomini con gonnellino e copricapo e animali con corna. Inoltre, le esperienze costruttive viaggiano nel Mediterraneo fino alla penisola iberica, alla Sardegna e alle Baleari, in particolare a Minorca (l’antico nome di questa isoletta era Nura).

La produzione di oggetti in lega di rame e stagno costituiva già al principio del Bronzo un importante settore delle attività artigianali. Da forme di fusione in pietra si ricavavano asce, pugnali, falcetti e oggetti di ornamento. La metallurgia era inizialmente privilegio di pochi centri importanti, che avevano intense relazioni con comunità di minatori e di fonditori. Fabbri itineranti contribuivano allo scambio tra differenti cerchie culturali e, oltre a diffondere diverse tecniche, forme e decorazioni, entrarono in contatto con il mondo spirituale di ampie aree europee, permettendo la circolazione d’idee, usi e credenze. Un tale lavoro presupponeva la collaborazione di un gruppo di persone che svolgevano ciascuna un lavoro diverso: cercatori del minerale, minatori, trasportatori, costruttori dei forni, fabbri fonditori e forgiatori.
Un altro comparto interessante è quello della pesca. Gli studiosi Perlès e Payne analizzano stratigrafie dell’VIII Millennio a.C. con tracce di vertebre di tonni nella grotta Franchthi. Nello stesso sito si nota la presenza di utensili di ossidiana di Melos, nell’Egeo. Un’indagine di Andrews sull’alimentazione, stabilisce che nel II Millennio a.C. esistevano industrie per la conservazione del tonno dislocate in Sardegna. Sotto sale, era distribuito in ogni angolo del Mediterraneo. Le attività legate alla pesca eguagliarono, per importanza economica, i commerci di ossidiana prima e rame poi. La richiesta dell’immenso mercato mediterraneo era così elevata che fu necessario introdurre un altro prodotto per accontentare tutte le esigenze. Dopo averne studiate le abitudini in merito a tempi e luoghi di riproduzione, i marinai iniziarono a catturare piccoli pesci della famiglia dei Clupeidi, conosciuti comunemente col nome di sardine. Il nuovo prodotto, più piccolo ma dello stesso standard qualitativo, arrivò sulle tavole di mezzo mondo, e il termine sardina divenne universale. Il sostantivo che indicava un pesce di taglia media, il tonno, col tempo giunse a indicare un differente e più piccolo pesce.
La comparsa del vino come bevanda suggerisce ai modellatori la creazione di brocche con becchi che consentono di versare il prezioso liquido senza sprecarlo. Un miglioramento generale del tenore di vita e più articolate esigenze nei consumi portano a una nuova struttura sociale, non più in forma di grosse aziende agricole nelle quali i sudditi lavorano per il sovrano, mediatore rispetto alle forze divine con una funzione magica e sacra.
Nelle coste mediterranee compaiono una serie di villaggi confederati, con organizzazione di tipo feudale, per la preminenza dell'aristocrazia guerriera in un potere che deriva dalla superiorità militare.
La differenza fra la monarchia e le nuove organizzazioni politiche sociali consiste nella concezione del monarca, della sua legittimità e delle sue funzioni. Il potere politico era certamente in mano, oltre che al sovrano, alla casta dei guerrieri che costituivano l'aristocrazia privilegiata. Fin dalle origini i sovrani cercavano di influire sulla scelta dei loro successori, ma incontravano la resistenza e la rivolta di questa casta, alla quale si alleavano spesso gli stessi consanguinei del re per gelosia contro il congiunto preferito dal sovrano. La fine di ogni regno determinava una crisi nella successione, dalle conseguenze talora rovinose. La presenza di ricchezze minerarie e agricole era comunque sufficiente a garantire margini di profitto tali da consentire un tenore di vita soddisfacente.
Il ceto dei guerrieri, conoscendo la propria indispensabilità, pretendeva di conservare intero ed esclusivo il potere e considerava la monarchia come una propria emanazione. Si andava però delineando all'interno dei vertici della società guerriera un altro gruppo privilegiato, ovvero quello della famiglia dinastica, cioè dei consanguinei del re o della regina, che rivendicavano diritti in opposizione ai membri del clan dei portatori di armi.
La forza dell'ambiente dinastico fu l'unico correttivo possibile all'invadenza e alle pretese dell'aristocrazia guerriera. Si arrivò così a una società dove il re riteneva di avere diritto a designare il suo successore, ma questo diritto rappresentava proprio il punto di frizione fra il sovrano in carica e i diritti della aristocrazia armata. Un possibile consolidamento della monarchia nei secoli successivi portò all'accentuazione di elementi teocratici: in questa fase avanzata il re poteva assumere come titolo quello di una divinità tutelare (Sole e Toro). Essendo il prediletto gli dei lo favorivano consentendogli di operare per il bene degli uomini suoi sudditi.
La maggior parte dei titoli spettanti ai membri del ceto dinastico presupponeva un'organizzazione di palazzo, costituita come una casa civile e militare del capo dello Stato: vi erano i dirigenti delle guardie, del personale di palazzo, i responsabili dei servizi della casa, gli ufficiali dei servizi di tesoreria. D'altra parte, nei villaggi, si andava sviluppando un ceto d’imprenditori di lavori d'ogni genere che producevano le merci necessarie.
Alla base della società vi erano pescatori, agricoltori e pastori raccolti in villaggi che erano anche aziende agricole. Nelle cittadelle occorrevano anche uomini che costruissero le case, lavorassero i tessuti, i metalli, le pelli e le argille. Quando si svilupparono esigenze di vita più elaborate, e la produzione del villaggio non bastò più per far fronte a tutte le necessità, si creò la domanda di operai e artigiani dall’esterno, specializzati nel produrre armi, attrezzature, vesti e calzature, gioielli e suppellettili. Pur non essendo monetaria, l'economia era regolata dalle leggi locali con prezzi ben precisi, sia che gli scambi venissero effettuati in natura, sia che venissero effettuati contro pagamento in misura di argento, rame o altro. Se ipotizziamo che un bue potesse essere valutato quanto un lingotto ox-hide in rame dobbiamo tener conto che il rapporto del prezzo del rame rispetto a quello dell'argento poteva essere di 1:200 circa.
L'alto costo del vestiario e di altri manufatti, in confronto ai prodotti dell'agricoltura e dell'allevamento, suggerisce che la manodopera degli artigiani fosse ben retribuita. Una veste di buona qualità valeva 20 velli di pecora, mentre sarebbero occorse almeno 5 forme di formaggio per pagare un bel prodotto in lino. L'economia era alimentata dalle iniziative commerciali dei mercanti appartenenti alla popolazione del paese.

Foto dei manufatti eseguita al Museo Archeologico di Cagliari.

1 commento:

  1. molto interessante e informativo
    www.fgsrottami.it

    RispondiElimina