Diretto da Pierluigi Montalbano

Ogni giorno un nuovo articolo divulgativo, a fondo pagina i 10 più visitati e la liberatoria per testi e immagini.

Directed by Pierluigi Montalbano
Every day a new article at the bottom of the 10 most visited and disclaimer for text and graphics.
History Archaeology Art Literature Events

Storia Archeologia Arte Letteratura Eventi

Associazione Culturale Honebu

Translate - Traduzione - Select Language

mercoledì 20 maggio 2020

Archeologia. L’Arciere di Teti. Articolo di Antonio D’Agostino


Archeologia. L’Arciere di Teti
Articolo di Antonio D’Agostino

Sono un’archeologo sardo che lavora  a  INRAP (Istituto nazionale di ricerca archeologica preventive) per lo Stato Francese, da oltre 27 anni. risiedo in Francia.
Nonostante la mia esperienza lavorativa realizzata in questo arco di tempo, sia sul territorio nazionale francese sia nei dipartimenti d’oltremare, non sono per questo meno indifferente e curioso rispetto alla realtà archeologica della Sardegna, che seguo, purtroppo, a distanza in modo nostalgico ma forse
per certi versi da lontano più riflessivo e più’ attento a certi dettagli, qualità che mi ha sempre contraddistinto nel corso della mia carriera.
Qualche tempo fa ho acquistato il libro” Il popolo di Bronzo” di Angela Demontis, che propone una lettura dettagliata di un certo numero di manufatti del Bronzo Finale e Primo Ferro (1100-800 a.C )
A mio giudizio, questo libro ha il vantaggio di mettere in evidenza uno studio semplice e approfondito del dettaglio, e per la prima volta il disegno è l’approccio più immediato di una lettura propositiva. Sfogliando pagina per pagina ho ritrovato ”la vita nuragica“ in questi bronzetti che, anche se inerti, hanno una gestualità e una qualità del dettaglio impressionanti.
Mi son soffermato in particolar modo su una statuina ritrovata nel sito di Abini, comune di Teti (NU), oggi esposta nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari ed etichettata con il nome di Arciere di Teti.
Il bronzetto misura ben 28.3 cm e ha una caratteristica che lo rende unico rispetto ad altri, nonostante non si presenti in una condizione di conservazione ottimale.
La presentazione grafica, che la Demontis propone in un disegno esplicativo, mette in evidenza certi dettagli dell’Arciere che meritano alcune riflessioni.

L’arciere di Teti con « Zagaglia? »
É un reperto archeologico ”antropomorfo” che nella sua originalità, incuriosisce.
A differenza di altri arcieri nuragici, notiamo in questo bronzetto la presenza di un “vessillo” o giavellotto, che lo rende unico. L’arciere è, per logica, un” cacciatore o soldato” che oltre alle sue qualità di estro balistico deve necessariamente adeguarsi alle situazioni territoriali e topografiche, e munirsi di armi che gli possano lo svolgimento del suo ruolo nel migliore dei modi. Questa premessa è doverosa poiché nel mondo della caccia il superfluo è bandito. Anche oggi qualsiasi cacciatore si avvale solo degli strumenti indispensabili che gli permettano di muoversi in certi casi con agilità e con armi consone all’utilizzo proprio in funzione dell’obiettivo prefissato.
Il bronzetto di Teti non eccede da questa regola. Le armi che sono così dettagliatamente sviluppate, conservano la «fotografia metallica » di queste prerogative,
L’arciere di Teti è un individuo che si muove in territori con spazi aperti. E’ una considerazione che  osservo in funzione dell’ingombro evidente della sua «parure» di caccia, in effetti l’asta così prorompente ha necessariamente uno scopo logico rispetto alla caccia. Ne deduco che questo elemento gli impedisce di muoversi in ambienti ostili e fitti come boschi impervi.
La mia ipotesi è che questo arciere si avvale di uno strumento di caccia detto Zagaglia a propulsore, una tipologia di strumento da caccia già nota nel Paleolitico superiore, ossia circa 22000 anni fa, ma è probabile che questo strumento perduri nel corso dei millenni successivi.

La zagaglia ha lunghezza maggiore e un utilizzo diverso rispetto alla freccia perché è usata per la caccia di grossa selvaggina, o per infierire un forte colpo balistico ad un essere di proporzioni maggiori. (Cacciatore Guerriero?)
Considerando i dettagli proposti dalla Demontis, si può presumere che questa tecnica di caccia perduri anche nel periodo nuragico?
Guardando attentamente il reperto archeologico “antropomorfo” e avvalendomi dell’osservazione di alcune pubblicazioni, mi viene da sottolineare che nell’arciere di Teti lo spessore del probabile «giavellotto», sono maggiori rispetto alle zagaglie, che sono strumenti di caccia leggeri come le frecce ma più efficaci per prede più possenti. Avanzerei come ipotesi la presenza di un contenitore, forse di cuoio, che custodisce un certo numero di zagaglie e che funge al contempo da «vessillo» o segnalatore, dunque a doppio uso. In effetti, le zagaglie, come le frecce, sono armi che hanno bisogno d’essere protette perché molto delicate, soprattutto nella loro parte terminale. Per quanto riguarda il piumaggio collocato come nella freccia nella parte opposta alle punte, sta a significare una sorta di visibilità e segnala un segno estetico di appartenenza, per esempio ad una certa tribù o ad un clan ben definito. Questo simbolismo è stato riscontrato anche in civiltà più recenti come in alcune tribù Indios d'America Latina.

Caratteristiche tecniche :
La zagaglia è un elemento di caccia che viene utilizzato con un propulsore ad uncino, misura di solito 3 volte la lunghezza del propulsore, ed è realizzato con lo stesso materiale utilizzato per le frecce (legno d’arbusto o in canna, materiale di facile rinvenimento anche nelle zone mediterranee).
Propulsore ad uncino: I primi ritrovamenti risalgono al Paleolitico Superiore e sono realizzati in osso o in legno. La dimensione corrisponde di solito alla misura dell’avambraccio del cacciatore.
La zagaglia è un elemento di caccia con una gettata in alcuni casi superiore ai 50 metri. I cacciatori più esperti con l’aiuto del propulsore potevano incidere con forza nella carne dell’animale per una profondità di oltre 15 centimetri. Questo tipo d’arma può essere utilizzato in complemento all’arco in funzione di particolari condizioni di caccia, e questa caratteristica balistica, suggerisce un suo utilizzo lungo i millenni. Le caratteristiche citate in precedenza sono in effetti constatazioni di reperti archeologici conosciuti nel paleolitico. Siamo nel campo delle supposizioni, ma è indubbio che la memoria delle tecniche di caccia di solito perdura e contribuisce a migliorare i risultati nel corso dei secoli. Ad esempio, nei disegni della Demontis si nota un’evoluzione più accurata della presa nel manico del propulsore.

Mi vien d’obbligo affermare che per onestà intellettuale è giusto rifarsi al detto:
«una rondine non fa primavera» ovvero, avere sempre presente una certa cautela nel proporre delle ipotesi, e nello spirito da professionista che mi contraddistingue, sottolineo che l’archeologia ha bisogno di maggiori elementi di riflessione e di numerosi reperti archeologici per poter affermare teorie inconfutabili. Tuttavia sappiamo che certi materiali sono deperibili e che nel corso dei secoli scompaiono a causa dello scarso stato di conservazione. Di conseguenza, ci possiamo solo avvalere di reperti archeologici costituiti da materiali resistenti. Infine, se questa tecnica di caccia fosse confermata grazie al ritrovamento di altri reperti archeologici è importante sottolineare che sarebbe il primo esempio constatato nel Bronzo Finale. La curiosità è forse il sale che ripropone una lettura per certi versi azzardata ma in ogni caso utile alla riflessione nella ricerca archeologica.



2 commenti: