Diretto da Pierluigi Montalbano

Ogni giorno un nuovo articolo divulgativo, a fondo pagina i 10 più visitati e la liberatoria per testi e immagini.

Directed by Pierluigi Montalbano
Every day a new article at the bottom of the 10 most visited and disclaimer for text and graphics.
History Archaeology Art Literature Events

Storia Archeologia Arte Letteratura Eventi

Associazione Culturale Honebu

Translate - Traduzione - Select Language

lunedì 27 febbraio 2017

Archeologia. Calcoli della prostata di 9.000 anni fa: una sepoltura del Mesolitico sposta indietro nel tempo un'infezione batterica che si riteneva tipica dell'età moderna.

Archeologia. Calcoli della prostata di 9.000 anni fa: una sepoltura del Mesolitico sposta indietro nel tempo un'infezione batterica che si riteneva tipica dell'età moderna.

Sono di un individuo anziano vissuto più di 9.000 anni fa i calcoli della prostata, rinvenuti in una sepoltura nel cimitero preistorico di Al Khiday, nel Sudan centrale, lungo la sponda sinistra del Nilo Bianco. I calcoli, due dei quali di dimensioni rilevanti (3 centimetri di diametro con circa 12-15 grammi di peso e uno più piccolo), sono stati studiati al microscopio a scansione elettronica (SEM) e in diffrazione ai raggi X: le analisi, condotte da Lara Maritan, Gilberto Artioli e Gregorio dal Sasso (Dip. di Geoscienze dell'Università di Padova), hanno permesso di escludere forme di

sabato 25 febbraio 2017

Archeologia. Tartesso, l'Eldorado dell'antichità, una città che tutti gli studiosi cercano invano. Riflessioni di Mario Cabriolu

Archeologia. Tartesso, l'Eldorado dell'antichità, una città che tutti gli studiosi cercano invano.
di Mario Cabriolu

Sono in molti a sostenere che Tartesso non fosse il nome di una città (quindi di un abitato con limiti ben definiti), ma un territorio ampio. Alcune tra le più antiche attestazioni del nome, infatti, non fanno esplicito riferimento ad una città. A questo proposito è ancora l'Ora Maritima di Avieno l'opera da cui si attinge maggiormente per ricercare una qualche rispondenza geografica con i territori del basso Guadalquivir.
Antonelli, nella sua analisi stratigrafica del testo avieneo, nota come, nel nucleo arcaico (VI a.C.) su cui è basata l'opera:
"la fonte di Avieno non menziona alcun centro abitato con funzione eponima, che si qualifichi come autentico nucleo economico e commerciale del territorio"(1); e più oltre: "Il fiume, e non una città, si rivela perciò elemento caratterizzante del paesaggio". L'autore prosegue affermando che "Al nome di Tartesso sono inoltre collegati altri elementi paesaggistici, tutti in ogni caso privi di qualsiasi riferimento ad una realtà urbana centrale ed eponima e dunque presumibilmente risalenti ad antiche informazioni sul territorio"(2), si tratta dello stretto tartessico, delle rive tartessiche, del golfo tartessico, del monte tartessico, dell'isola dominata dai tartessi e del

venerdì 24 febbraio 2017

Sardi, Dea Madre, Mont’e Prama, tophet. Riflessioni di Mariano Piras.

Sardi, Dea Madre, Mont’e Prama, tophet. Riflessioni di Mariano Piras.


Questo articolo integra il precedente pubblicato su Honebu il 16 Gennaio 2017 intitolato “Culto e misteri dei bronzetti sardi”, del quale è consigliata la lettura prima di questo nuovo per comprenderlo appieno. (nota di Mariano Piras)

La civiltà che abitò anticamente la Sardegna, che convenzionalmente chiamiamo Civiltà Nuragica perché costruì gli oltre 8000 nuraghi sparsi in tutta l’Isola, aveva un profondo senso di comunione con la Natura. Dai riti celebrativi stagionali, al culto dei morti sino ad arrivare alle iniziazioni, tutto era legato ai cicli naturali. La vita è un’iniziazione: si nasce piccoli e si gioca ad imitare ciò che fanno i grandi. I cuccioli dei cani corrono dietro alle lucertole per prepararsi ad affrontare ciò che da grandi li porterà alla ricerca del cibo: la caccia. Come quella animale, l’esistenza umana è costellata da prove e preparazioni per il superamento.
Come ho già scritto nell’articolo “Culto e misteri dei bronzetti sardi”, i nuragici praticavano il culto della Dea Madre e di una serie di divinità secondarie rappresentate nel cielo dalle costellazioni. Queste, insieme alle

martedì 21 febbraio 2017

Archeologia in Sardegna. Monte Sirai, storia di una città sarda di 3000 anni fa. Riflessioni di Piero Bartoloni.

Archeologia in Sardegna. Monte Sirai, storia di una città sarda di 3000 anni fa
di Piero Bartoloni



La città di Monte Sirai si pone come strumento fondamentale ai fini di una maggiore conoscenza dell'età fenicia e punica poiché il centro abitato, completo in ogni sua fondamentale componente, è privo di sovrapposizioni più tarde. Dopo il suo abbandono, avvenuto attorno al 100 a.C., nulla è venuto a mutare la struttura del luogo.
L'insediamento di Monte Sirai è composto di tre grandi settori, che sono i fulcri scientifici e turistici dell'antico centro. Il principale è costituito dall'abitato, che occupa la parte meridionale della collina. Nella collina settentrionale è invece situato il tofet: è questo il luogo sacro nel quale erano sepolti con particolari riti i corpi bruciati dei bambini nati morti o defunti in tenera età. L'ultimo settore è costituito dalle due necropoli, collocate nella valle che separa l'abitato dal tofet. Si tratta di una

sabato 18 febbraio 2017

Archeologia. Tempi che cambiano, luoghi che si trasformano: i mutamenti nei nuraghi fra l’età del Bronzo ed il Primo Ferro. Riflessioni di Mauro Perra

Archeologia. Tempi che cambiano, luoghi che si trasformano: i mutamenti nei nuraghi fra l’età del Bronzo ed il Primo Ferro
di Mauro Perra
(Fonte: http://ojs.unica.it/index.php/layers/article/view/2584/2204)


Abstract: Il lungo percorso della Civiltà Nuragica, compreso fra XVII e X-IX secolo a.C., si caratterizza come un’epoca di grandi trasformazioni che si susseguono nel tempo e lasciano visibili tracce in un paesaggio mutevole, come in un succedersi di macroscopiche unità stratigrafiche. Si trasformano profondamente così non solo i monumenti e il paesaggio, ma anche le stesse strutture sociali e politiche delle comunità nuragiche fino alla trasfigurazione del ricordo in mito nei centri cerimoniali o santuari.

Essendo il mio intervento incentrato sui cambiamenti e i riusi che hanno interessato i nuraghi, particolarmente quelli della regione storica della Marmilla durante la lunga età del bronzo nuragica fino alla prima età del ferro, esso potrebbe apparire fuori tempo e fuori luogo. Di tempi e di luoghi bisogna però parlare per comprendere la nozione di riuso, cioè di nuovo uso o rifunzionalizzazione, che ha interessato questi singolari monumenti isolani oltre l’età del bronzo, un riuso connesso a forme peculiari di appaesamento dell’uomo nuragico e di addomesticamento del tempo e dello spazio (Leroi Gourhan, 1977). Per questo motivo ritengo utile adottare una

mercoledì 15 febbraio 2017

Archeologia. Sant’Imbenia, uno straordinario villaggio di 3000 anni fa che si sviluppò come mercato specializzato nella produzione e nel commercio di anfore per il vino locale conosciuto in tutto il Mediterraneo antico. Riflessioni di Marco Rendeli

Archeologia. Sant’Imbenia, uno straordinario villaggio di 3000 anni fa che si sviluppò come mercato specializzato nella produzione e nel commercio di anfore per il vino locale conosciuto in tutto il Mediterraneo antico.
di Marco Rendeli



Questo articolo è il frutto di un lavoro di équipe e quindi si ritiene
che gli Autori siano tutti i partecipanti al Progetto: chi lo
ha scritto svolge solamente la funzione di portavoce.



Una palude, molta acqua, presumibilmente salmastra, troppa per un abitato. Non c’è pietra da cavare, almeno nelle vicinanze, non c’è legna per costruire, cuocere, fondere, cucinare. Non guardiamo questa parte del Golfo di Porto Conte con il moderno occhio del turista in cerca delle belle spiagge, togliamoci dalla mente strade asfaltate, automobili, case confortevoli con cucine a gas, termosifoni o pompe di calore, elettricità, la televisione, la radio e il computer, la connessione internet, ma anche lo scarponcino o le scarpe da ginnastica.

Dobbiamo essere capaci di svestirci di tutte queste cose, di sfogliare, come si sfoglia una cipolla, tutti questi elementi per cercare di comprendere ed entrare in sintonia con la vita quotidiana che

martedì 14 febbraio 2017

Archeologia e miti: Demetra, Persefone e i misteri eleusini, riti che risalgono al Bronzo Medio e continuano nelle epoche successive.

Archeologia e miti: Demetra, Persefone e i misteri eleusini, riti che risalgono al Bronzo Medio e continuano nelle epoche successive.


Eleusi è un’antica città dell’Attica, famosa per il santuario di Demetra e Kore e per i riti sacri a esso collegati. Alleata di Atene, visse un periodo di sviluppo alla fine del VII a.C. Fu saccheggiata durante le guerre persiane ed ebbe notevole importanza militare durante le guerre del IV e III a.C. Nel 381 d.C. l’imperatore Teodosio fece chiudere il santuario. Distrutta da Alarico (395 d.C.) e abbandonata, fu ripopolata solo due secoli fa.
Le più antiche tracce di frequentazione risalgono al protoelladico; resti di abitazioni nei pressi del santuario risalgono al Medio Elladico. Assai ricca la necropoli, che fu in uso dall’età micenea a quella ellenistica. Sull’acropoli restano tracce di mura, di edifici e di cisterne scavate nella roccia. Della città, cinta da mura, restano tracce di un teatro e di uno stadio. Interessanti, a Ovest dell’acropoli, i resti di una fortezza ellenistica a pianta triangolare. Il santuario (dove anche i resti di età micenea attesterebbero l’esistenza di un luogo di culto molto antico) fu ristrutturato e

lunedì 13 febbraio 2017

Honebu: nuovo sito web, appuntamenti del mese, corso di archeologia ed escursione in Marmilla.

Honebu: nuovo sito web, appuntamenti del mese, corso di archeologia ed escursione in Marmilla.


Nel segnalare che abbiamo aperto il sito web dell'Associazione Honebu all'indirizzo www.honebu.com, nel quale troverete tutti gli aggiornamenti delle nostre attività, sono lieto di invitarvi ai prossimi prossimi appuntamenti in programma nella sala conferenze in Via Fratelli Bandiera 100, tutti alle ore 19:

Venerdì 17 Febbraio, Bruno Puggioni: “Le fortificazioni di Cagliari”


Venerdì 24 Febbraio,Ignazio Merici: “L’origine dei tribunali” 


 Venerdì 3 Marzo, Salvatore Dedola: “Carnevali Barbaricini”


Venerdì 10 Marzo, Alfonso Stiglitz: “Il Nuraghe S’Uraki”


Venerdì 17 Marzo, Liliana Murru: “Salotto letterario”


Colgo l'occasione per segnalare che il 2 Marzo inizierà il corso di archeologia sulla
Sardegna Romana con Carlo Tronchetti e che per Domenica 26 Marzo abbiamo organizzato un'escursione in bus in Marmilla. Sarà un viaggio nel medioevo con visite guidate, balli, giochi, pranzo con prodotti a km zero della Marmilla, lezione di tiro con l'arco.
Divertimento assicurato. Prenotazioni al 3382070515

sabato 11 febbraio 2017

Il nostro "Quotidiano Honebu di storia e archeologia" festeggia i 2 milioni di visite.

Il nostro "Quotidiano Honebu di storia e archeologia" festeggia i 2 milioni di visite.

E' con un pizzico di orgoglio che ho deciso di scrivere qualche parola per ringraziare tutti i lettori e gli autori che in questi anni hanno contribuito a raggiungere un traguardo così prestigioso per un giornale on line di nicchia. Siamo cresciuti insieme, aumentando l'impegno con la creazione dell'Associazione Honebu, diventata un punto di riferimento per il mondo culturale sardo.
Nel giro di pochi anni abbiamo superato i due milioni di visite pubblicando 2362 articoli su

venerdì 10 febbraio 2017

Archeologia. Mont'e Prama, le ricerche con il georadar nella necropoli del Sinis. Riflessioni di Gaetano Ranieri

Archeologia. Mont'e Prama, le ricerche con il georadar nella necropoli del Sinis
Riflessioni di Gaetano Ranieri


Oggi, Venerdì 10 Febbraio, alle ore 19, Gaetano Ranieri sarà relatore nella conferenza dedicata a Mont'e Prama presso la sala conferenze Honebu in Via Fratelli Bandiera 100 a Cagliari / Pirri.

La ricerca geofisica a Mont’e Prama prende origine nei primissimi anni di questo millennio. A Volubilis, per l’esattezza, antica città romana posta a circa 20 km dalla bella città imperiale di Meknes in Marocco. Nella città mancava una struttura teatrale, come del resto aveva sancito l’archeologo Tissot, alla fine dell’800. In modo fortunato trovai una fotografia della città presa da 12000 metri. Cominciai a studiare il modo di costruire dei romani. La città nella foto era grande poco più di due centimetri. Investii quasi 2.000.000 di lire per comprare uno scanner ad alta risoluzione e cominciai a studiare alcuni filtri da applicare alla foto scannerizzata. Nel mentre avevo chiesto un finanziamento alla Regione Sardegna e al Ministero degli Esteri per fare indagini geofisiche in Marocco , così come lo aveva chiesto per studiare Lixus e il suo tempio di